La raccolta dei dati personali forniti dai clienti

Procedure di corretta raccolta dei dati personali dei dipendenti degli assistiti di studio


Con il D.Lgs. 196/03 termina l'era dello "scarica barile all'italiana".

Se in passato vi era difficoltà nel risalire al titolare responsabile dei danni causati da un trattamento dati personali non corretto, in caso di dibattimento giudiziale il titolare chiamato in causa dall'interessato che ritiene lesi i suoi diritti per via di un trattamento dati non a norma di legge risponde direttamente.

L'articolo 2050 del Codice Civile mette in condizione il titolare di dimostrare di avere "adottato le misure idonee per evitare il danno", invertendo così l'onere della prova.

A poco serve dimostrare di avere raccolto i dati dal datore di lavoro di un dipendente che si vede elaborare le buste paga nello studio di consulenza del lavoro: è necessario esibire corrette procedure che documentino che il titolare di studio ha previamente verificato (e continua in maniera idonea e sistematica a controllare il "titolare cliente") che i dati del dipendente (l'interessato al trattamento dati personali) siano stati raccolti e trattati in conformità alle prescrizioni delle norme sulla privacy.

Quetse attività sono di semplicissima documentazione se l'organizzazione è basata su procedure che prevedono anche i dovuti audit.

Privacy, DPS, Sicurezza dei Dati
 Contattaci  Collabora  Pubblicità  Webmaster  Area Riservata  Novità del sito  Link  Download  Moduli  Documenti  Codice privacy 
Documenti Privacy
Risorse per Professionisti
Risorse per Consulenti del lavoro
Risorse Esterne
Venerdi'
 17 Novembre 2017